Oro e argento di Puglia

Terra disegnata dagli ulivi, il Salento è un paesaggio argentato che è la vera ricchezza di Puglia. Cellina di Nardò e Ogliarola Salentina sono le cultivar predominanti nei nostri uliveti, ma non mancano varietà non autoctone come Leccino, Frantoio, Nociara, Carolea e Pendolino, che solo qui esprimono sensazioni olfattive e gustative del tutto peculiari.

Ogliarola leccese
Ogliarola leccese

Ogliarola salentina

Sinonimi:
Chiarita, Oliva leccese, Pizzuta.

Zona di diffusione:
intera provincia di Lecce e area nord di quella di Brindisi.

Albero:
la pianta si presenta di dimensioni medie.
I rametti a frutto sono sottili e lunghi, tali da conferire un portamento pendulo alla pianta.
Il fogliame e` poco denso, di colore verde pallido, con la pagine inferiore di colore grigiastro.
La foglia e` allungata con picciolo pure allungato.

Fioritura:
La fioritura e` tardiva, abbondante, ma seguita da una forte coloratura dei fiori.

Frutto:
la drupa e` di forma ovale, quasi reniforme, con colorazione nera alla raccolta.
La polpa e` di colore rosso vinoso con rese alte (25%). Non ha problemi di estrazione.

Caratteristiche organolettiche dell'olio:

L'olio prodotto si presenta con fruttato dolce a maturazione completa e mediamente aromatico.

Caratteristiche agronomiche:

la Cultivar e` molto diffusa per l'abbondante fruttificazione e le alte rese, sebbene presenti il difetto dell'alternanza di produzione, e` meno rustica della "Cellina di Nardo`", resiste meno alle malattie, risultando particolarmente sensibile alla carie, alla rogna, e al cicloconio, rifugge dai terreni umidi.

Cellina di Nardò

Cellina di Nardò

Sinonimi:
Olivo di Nardò, Cellina inchiastra, Leccese, Saracena, Scurranese, Cafarella, Visciola

Zona di diffusione:
province di Lecce, Taranto e Brindisi per un totale dell'ordine di 60.000 ettari.

Albero:
E' vigoroso, con portamento assurgente e chioma folta.

Caratteristiche agronomiche:
E' parzialmente autosterile. Risulta parzialmente resistente al freddo, alla rogna, al cicloconio e alla mosca. Le olive sono destinate esclusivamente per la produzione dell'olio.

Frutto:
Piccolo (2g), di forma ellittica, leggermente asimmetrica, la resa in olio è bassa (15-17%), anche a causa della difficoltà dell'estrazione.

Fioritura:
Contemporanea alle cv Nociara, Ogliarola salentina.

Caratteristiche Organolettiche dell'olio:

Profumo:
Fruttato intenso
Gusto:
Armonico con sensazioni evidenti di mandorla, pomodoro ed erba, con retrogusto piacevole di amaro.

Potrai seguire la nostra attività social ed essere aggiornato sulle iniziative rivolte ai consumatori e ai turisti dell'olio. Clicca sull'icona